Prepariamo l’agnello alla mongola
ricette / 13/10/2019

E siamo arrivati anche in Mongolia, alla lettera U di Ulan Bator sua capitale, a ospitarci in questi giorni è Alejandro che ha aperto la tappa con deliziosi ravioli tipici mongoli. La carne è un pilastro nei piatti mongoli, in particolare il montone e la pecora, ma anche manzo, cavallo, capra, yak, cammelli o marmotta. La carne è piuttosto grassa e saporita e costa poco ai mercati mongoli, viene quasi sempre bollita e lasciata nel brodo, le carni per i mongoli rappresentano gli alimenti “grigi”, mentre il latte e i derivati sono detti alimenti “bianchi” (tsagaan ide).  Sono consumati soprattutto d’estate e latte e formaggi provengono da quelli che i Mongoli definiscono animali a “muso caldo” (montoni e cavalli) e a “muso freddo” (capre, yak e cammelli). Il boodog è considerato uno dei piatti più peculiari della cucina mongola, viene preparato con la carne di capra o di marmotta, si introducono dei sassi incandescenti attraverso il collo dell’animale dopo aver estratto ossa e viscere, si richiude il collo poi la carcassa viene lasciata cuocere finché la carne diventa tenera, gustosa e fragrante. Una variante, con l’agnello, è il khorkhhog. La dieta mongola dei pastori e dei nomadi non è molto cambiata nel corso del…